Curare le calvizie: dalla ricerca una nuova soluzione

Post Scritto in Patologie, Salute - da PostaNotizie il giovedì, marzo 22nd, 2012 - letto 1608 volte - Commenta per Primo

Alcuni scienziati hanno individuato una proteina la cui presenza è legata alla perdita di capelli. Una scoperta che potrebbe aprire la strada a una cura per la calvizie maschile. I trattamenti che ne potrebbero derivare potrebbero essere sviluppati per sopprimere la proteina e fermare la calvizie, anche se non sarebbero in grado di fare ricrescere i capelli a chi li ha già persi. L’esperimento è stato condotto sui capelli di oltre 20 uomini con principi di calvizie, il cui nome scientifico è alopecia androgenetica (Aga).

I risultati mostrano che le aree soggette a calvizie hanno livelli di proteina PGD2 tre volte superiori rispetto a quelle ricoperte di capelli. Esistono già dieci tipi di medicine disponibili sul mercato che possono bloccare i recettori che consentono al PGD2 di entrare in funzione, e questo potrebbe aiutare i ricercatori a sviluppare un trattamento sotto forma di crema o unguento. La ricerca, condotta dal professor George Cotsarelis dell’University of Pennsylvania, è stata pubblicata sulla rivista Science Translational Medicine.

Il gruppo di ricerca ha commentato: “Le nostre scoperte dovrebbero condurre direttamente a nuovi trattamenti per le cause più comuni di perdita di capelli negli uomini. Il potenziale per lo sviluppo di questi componenti in formule topiche per il trattamento della calvizie dovrebbe suscitare grande interesse a proseguire la ricerca”. Il professor Cotsarelis ha aggiunto: Nonostante una diversa prostaglandina sia nota per il fatto di favorire la crescita dei capelli, le nostre scoperte sono state inaspettate, in quanto le prostaglandine non sono state mai messe in relazione alla perdita di capelli”.



Esprimi la tua opinione

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>