Pasqua è Mattanza: Milioni di agnelli uccisi ingiustamente!

Post Scritto in Animali Domestici, Lifestyle - da Claus il venerdì, aprile 6th, 2012 - letto 1478 volte - 1 Commento

Anno dopo anno, torna la Pasqua. A volte arriva prima, a volte ritarda e ce la ritroviamo ad Aprile. Ma la mattanza degli agnelli continua ogni anno, ogni qual volta arriva questa ORRIBILE TRADIZIONE!

Proprio così, sono i dati dell’Istat che ce lo testimoniano: In Italia (solo nel periodo pasquale) l’uccisione di ovini raggiunge picchi record mensili, più di 3 milioni e 300.000 ovini assassinati in media, di soli 22 giorni! Inoltre nello stesso mese ne verranno abbattuti altri 700.000 esemplari fino a raggiungere i 4 milioni di animali trucidati inutilmente!

Ma non è finita qui, magari! Per far fronte alle smisurate richieste sotto Pasqua, si ordinano ovini da paesi esteri (spesso dell’est europa), costringendo i poveri agnellini a sopportare i traumatici “viaggi dell’orrore”. Niente acqua né cibo, ammassati insieme a molti altri loro simili. Li attende poi il macello, caratterizzato dalle violentissime urla dei loro compagni, senza nessuna possibilità di fuga, dovendosi rassegnare al proprio destino!

L’Italia tuttavia produce solo il doppio delle uccisioni rispetto alla media mensile, dato che non può comunque essere trascurato. I paesi che più abusano delle festività per eliminare piccoli agnellini sono, come detto precedentemente, dell’Est Europa o Centro Asia. Solo in Svizzera e Svezia le pratiche halal (uccisione lecita) e del kosher (cibo in più rispetto ad un pasto umano) sono bandite.

Ma non preoccupatevi, dopo questo articolo in voi non sarà cambiato nulla. Chiudete la pagina, uscite dal sito ed iniziate a preparare il pranzo pasquale! Durante la preparazione dell’agnello da cuocere non pensate al brusco modo in cui è giunto l’esemplare da voi, nemmeno come è stato ucciso. Aggiungete olio, sale e pepe, nel frattempo accendete la radio, guardate la tv, sentite la musica. Non pensate al viaggio orribile che ha dovuto subire il povero agnellino che state delicatamente pulendo e cospargendo di salse e spezie. Preparate il forno e ricordatevi di cospargere il cadavere con un pizzico di rosmarino, il sapore della carne sarà più aromatizzato e la vostra coscienza sarà in questo modo ingannata e tranquilla. In seguito prendete delicatamente il piccolo cadavere innocuo e dategli il “colpo di grazia”, inserendolo nell’apposito forno. Fatto ciò, ovviamente senza sensi di colpa ne lacrime inutili, lasciate cuocere per 50 minuti buoni e il vostro cadavere arrosto sarà commestibile e verrà apprezzato dai vostri ospiti, persone come voi, insensibili e incapaci di guardarsi attorno e di comprendere la realtà delle cose che li circonda, annebbiati dalla vostra “vittima” che avete cucinato con cura.

Ah, dimenticavo caro lettore, ti auguro… BUONA PASQUA!



Displaying 1 Commento
Have Your Say

  1. palmira scrive:

    IO PENSO CHE LA FESTA DOVREBBE ESSERE PER TUTTI,SIA UMANI CHE ANIMALI -PERTANTO IN QUESTO GIORNO SANTO SI CI DOVREBBE SACRIFICARE A NON FAR SOFFRIRE NESSUNO – ANCHE SE A MIO PARERE POICHE’ SIAMO DESTINATI TUTTI A MORIRE E’ COME ESSERE PREDESTINATI AD ESSERE UCCISI – VARIA L’ETA’,LE MODALITA’ ED I SOGGETTI CHE IN ULTIMO DI NATURA DIVINA -PERO’ CERCARE DI ALLEVIARE QUANTO DI PIU’ LA SOFFERENZA E DI RITARDARE IL PIU’ POSSIBILE MORTE .
    SPERO SIA CONDIVISO DA MOLTI –
    IN TAL CASO AUGURO A TUTTI BUONA PASQUA E SALUTO

Esprimi la tua opinione

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>