Ecco perché boicottare gli Europei 2012 Polonia/Ucraina

Post Scritto in Animali Domestici, Lifestyle - da Claus il martedì, aprile 10th, 2012 - letto 2167 volte - 1 Commento

Prima di riferirvi notizie relative alla situazione degli Europei 2012 in Polonia ed Ucraina sono costretto ad un inciso per tutti i lettori. Infatti so benissimo che moltissimi di coloro che leggeranno questo articolo sono (o sono stati) patiti e tifosi di football. Ma ciò che vi chiederò di fare -dato che anche chi scrive è tifoso- dovrà essere sovrapposto alla vostra passione calcistica, poiché si sta parlando di morti di animali innocenti e non di semplici proteste contro il calcio in generale, sia chiaro. Tutti gli amanti del calcio, ultras o distinti che siano, devono essere assolutamente informati sulle ultime barbarie in vista degli Europei 2012 da parte dei paesi organizzatrici.

Dato che i telegiornali non vogliono parlarne e preferiscono discutere dei tatuaggi di Sanremo, dell’inizio del campionato di Formula 1 o della fine (per fortuna) del Grande Fratello, le notizie riguardo questo fenomeno sul web circolano velocemente! E per fortuna che c’è Internet!

Le autorità polacche ed ucraine hanno dato il via libera alle uccisioni di randagi da molto tempo, infatti da più di un anno ormai, solo nella capitale Ucraina Kiev, sono stati uccisi moltissimi animali randagi (si stimano 20.000 cadaveri) in vista degli Europei, per “purificare la città”.

Avvelenati, fucilati, bruciati, schiacciati, percossi con qualunque tipo di strumento o arma, i poveri animali randagi delle città dei due stati, hanno subito queste orribili morti. Invece di agire con cervello ed assennatezza, ovvero trasportare gli animali in rifugi appositi, farli adottare o (sia pure) rivendendoli, è stata presa l’unica “non soluzione” che non poteva essere stata presa!

Di fronte a queste oscenità, di fronte a video contenenti immagini orribili agli occhi umani, di fronte a cani bruciati, fucilati, morti avvelenati o picchiati a sangue, c’è da porsi una domanda: PERCHE’? Perché l’uomo è così crudele? Perché tra tutte le soluzioni proposte ha dovuto scegliere proprio l’unica, inspiegabile e condannata da tutti? Problemi economici? Questione politica? O semplicemente pazzia dei capi di stato? Fatto sta che tutt’ora, nel momento stesso in cui state leggendo questo articolo, o quando dormite, quando mangiate o quando abbracciate un vostro familiare, contenti di averlo incontrato o solamente per affetto nei suoi confronti, migliaia, se non milioni di randagi stanno morendo INUTILMENTE per uno sport, che, lasciatemelo dire, è inutile praticare!

Se delle vite vengono messe a rischio per garantire la pratica di uno sport, allora è meglio che quello sport venga bandito, eliminato e soppresso, così come si sta sopprimendo ora la vita di un randagio che, come prima detto, si sta chiedendo: “Perché? Cosa ho fatto di male?”

BOICOTTIAMO EURO 2012 POLAND/UKRAINE! BOICOTTIAMO INUTILI STRAGI DI MASSA PER LO SVOLGIMENTO DI UNO SPORT DI DIVERTIMENTO! BOICOTTIAMO PER DIFFERENZIARCI DA CAPI DI STATO POLACCHI O UCRAINI! IO SONO UN UOMO, NON UN ASSASSINO!

Per sostenere la protesta contro gli Europei 2012, nel nostro piccolo, o tifosi: coronate lo stadio di bandiere, cartelloni, striscioni “CONTRO EURO 2012”. Per protestare via web, ecco il link facebook che vi indica le modalità di protesta: https://www.facebook.com/events/289340001104416/. Per firmare petizioni online ecco il link adeguato: http://www.thepetitionsite.com/2/tell-ukraine-to-stop-burning-animals-alive/

Protestiamo uniti contro brutalità insensate, per far capire che la giustizia (anche minima) può esistere e che un giorno tutto ciò che capi di stato e sindaci Polacchi/Ucraini stanno facendo, finirà e gli si ritorcerà contro!!



Displaying 1 Commento
Have Your Say

  1. Bozzka scrive:

    Desidero che l’autore di questo articolo mi invii la fonte o la documentazione su tale procedimento intrapreso dalle autorità polacche. Grazie.

Esprimi la tua opinione

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>