La via Francigena alla radio e non solo

Post Scritto in Religione, Società - da alpav il martedì, aprile 17th, 2012 - letto 1566 volte - 1 Commento

La via Francigena era una di serie di strade medievali che consentivano ai pellegrini di raggiungere luoghi come Santiago di Compostela (nel nord della Spagna), Roma e pure Gerusalemme.

Ed ancora oggi specialmente per alcune tratte in direzione di Santiago di Compostela ci sono diverse persone che per motivi diversi ripercorrono gli antichi sentieri de “el  Camino de Santiago“. Per molti aspetti si tratta infatti di percorsi molto interessanti anche per chi non è molto devoto.

Si apprende ora che, dopo le esperienze passate e dal 2 maggio sino al 17 giugno, ci sarà ogni giorno una breve trasmissione dall’emittente Radio Rai 1.

Quest’anno le citate trasmissioni hanno come riferimento : ” La via Francigena, da Roma a Gerusalemme, le strade il mare, il mare e la nostra lingua ” e come sostengono gli organizzatori si tratta anche di ” un programma radiofonico internazionale alla scoperta di un itinerario euro-mediterraneo”.

Non conoscendo ancora il contenuto esatto delle singole trasmissioni, ricordiamo però che il tratto fino a Gerusalemme (in buona parte per via di mare)  era sicuramente il più complicato per i pellegrini del tempo. Ovviamente chi valutava di imbarcarsi in Puglia facilmente seguiva il percorso dell’Appia Antica costruita dai romani fino a Brindisi. Comunque- all’epoca- una tappa molto importante era Monte Sant’Angelo nel Gargano dove era vivissimo il culto per San Michele Arcangelo. Tale luogo era fra l’altro frequentato da diversi cavalieri normanni che poco dopo vollero il loro santuario nazionale (ora celeberrimo) a Mont Saint Michel, appunto in Normandia. E sempre nella grotta di Monte S.Angelo si recavano  i crociati prima del loro imbarco per la Terra Santa (spesso partivano da Trani ecc.).

A parte tale trasmissione radiofonica, va comunque riferito che anche Tgcom24  molto recentemente si è interessato alla Via Francigena e ad una particolare variante di questa via. Ad un certo punto della storia medievale infatti  molti pellegrini iniziarono a raggiungere i luoghi legati alla memoria di S.Francesco. E non si trattava ovviamente  solo di Assisi, perchè il Santo si muoveva un bel pò. Infatti ci sono anche gli  itinerari francescani nel reatino. E si tratta di un percorso interessante anche dal punto di vista storico. Francesco in un certo periodo frequentò spesso la zona intorno a Rieti anche perchè un papa del tempo soggiornava spesso in tale capoluogo laziale. Quindi in un posto chiamato Fonte Colombo redasse fra l’altro la seconda versione della “Regola francescana” e poi, come tutti sanno, in quel di Greccio organizzò il primo presepe.

Insomma le vecchie antiche strade richiamano sempre tanto interesse.



Displaying 1 Commento
Have Your Say

  1. Bruno scrive:

    Ottimo articolo. A fine maggio farò gli ultimi 220 km per Santiago de compostela. Non vedo l’ora!

Esprimi la tua opinione

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>