Elisir di Bellezza al… petrolio!

Post Scritto in Bellezza, Pulizia e Igiene, Salute - da Bianca il giovedì, maggio 10th, 2012 - letto 1900 volte - Commenta per Primo

La bellezza, si sa, è una cosa seria! E quotidianamente la nostra cremina -di certo ben specifica per risolvere quel determinato “problema” in quella detrminata zona del nostro corpo- nella rassicurante confezione verde piuttosto che azzurra o magari arancio è sempre lì a ricordarcelo.

Creme, creme giorno, creme notte, creme corpo, creme mani, creme pancia e fianchi, creme per il contorno occhi e le occhiaie, fluidi, sieri, schiume, gel, olii.

Per la donna attenta e l’uomo sempre più esigente, oltre che per la pelle delicata del bambino.

Per pelli secche, normali, miste e sensibili… Idratante, antirughe, rassodante, effetto lifting, tonificante, modellante, levigante, snellente, elasticizzante, antismagliature, anti-age, ad azione emolliente e distensivo, rivitalizzante, ridensificante, illuminante…

Insomma, per tutti i gusti, per tutte le esigenze, per ogni momento della giornata, e alla portata di ogni portafoglio!

Ormai ce le ritroviamo dappertutto e ogni volta ci spiegano accuratamente in maniera anche molto credibile tutti i principi attivi unitamente alle sostanze funzionali caratterizzanti e alle cosiddette formule brevettate (per cui “devono” funzionare veramente!).

Ma è davvero così?!? Ci dicono tutto su quelle rassicuranti pozioni magiche a cui ci affidiamo?

Oltre alle creme, poi, come non parlare dei deodoranti (guai a rimanerne senza!), dei bagnoschiuma (così freschi che ci si sente… puliti anche solo odorandoli!), degli shampoo… per capelli fragili, secchi, sfibrati, con doppie punte, antiforfora o per capelli colorati? e dei dentifrici, dei colluttori, delle lozioni… e chi più ne ha più ne metta!!!

Sulle confezioni per tranquillizzarci se per caso non fossimo abbastanza persuasi a comprare scrivono grande come una casa “NO SLES”, “NO PG”, “NO PEG” e insieme “Sostanze naturali” che “Non alterano l’equilibrio fisiologico naturale del PH” facendo sembrare il prodotto quanto di più innocuo e anzi benefico che ci sia.

Ma è veramente così?!?

Che saranno mai allora quelle strane sostanze indicate (per legge… altrimenti dubito che lo sarebbero!) negli ingredienti dalla nomenclatura lunghissima e praticamente impossibile da pronunciare? E quelle abbreviazioni misteriose associate a quegli enigmatici numeretti!?!

Mah, se si trovano così facilmente dappertutto e si vendono tranquillamente non possono far male!” è quello che istintivamente si pensa. È vero, anch’io l’ho pensato per molto tempo.

Poi, incuriosita, ho iniziato a cercare: quel Petrolatum nei pannolini di mio figlio (tra l’altro i migliori sul mercato!) proprio non mi piaceva.

E poi guarda guarda… Petrolatum anche nella sua crema!

Ma anche Benzoic Acid…Propylparaben… Sodium Laureth  Sulfate…Peg-18 Glyceryl… Benzyl Benzoate… Methylpropional… EDTA…

La domanda non solo nasce, insorge e si impone spontanea: “Cosa diamine sto spalmando addosso al mio piccolo!?!”

Tutto è iniziato così.

…Benzyl Alcohol, Benzaldehyded, Ethylene, Propylene, Formaldeyde, lanolinamide, Lauryl Sulfate, Sodium Nitrite…..

Scioccante. Tutto petrolio!!!

Solo un bravo chimico potrebbe fare una minuziosa analisi di ogni sostanza e io non lo sono ma… l’essenziale si capisce, lo capirebbe chiunque!

La maggior parte delle sostanze che usiamo normalmente tutti i giorni sono tossiche e quindi fortemente dannose per nostra salute. Studi recenti hanno riscontrato la presenza nel nostro sangue e nel nostro tessuto adiposo di centinaia di queste sostanze (in alcuni casi anche oltre 400!).

Campagna denigratoria contro i prodotti cosmetici chimici?

No, assolutamente.

Ognuno è libero di dire, fare e comprare quello che vuole.

Solamente: sappiatelo!!!

 



Esprimi la tua opinione

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>