Aura by Swarovski: un profumo irresistibile (!?!)

Post Scritto in Bellezza, Lifestyle, News - da Bianca il lunedì, maggio 28th, 2012 - letto 2386 volte - Commenta per Primo

Il nome Swarovski è certamente sinonimo di brillantezza, luminosità, scintillìo di luce che incanta… Insomma un must per quanto riguarda il mondo della luce. O meglio del cristallo intagliato che sembra prender vita per quei suoi caratteristici e inimitabili riflessi di una luce sempre in movimento, viva, esuberante in giochi briosi e seducenti, capace per questo di donare all’ammiratore affascinato un’esperienza davvero emozionante.

Pare però che tutto questo non bastasse ai signori del cristallo.

E si sono spinti oltre. Anzi, sarebbe forse meglio dire che si stanno spingendo oltre, dal momento che personalmente credo sia solo il primo passo dell’entrata del marchio Swarovski nel grande mondo del profumo.

L’ambizione è grande, perché non è un semplice profumo quello che la Swarovski ha voluto lanciare.

Si tratta di un eroico tentativo di coniugare e completare le emozioni sensoriali legate alla vista con le emozioni sensoriali legate all’olfatto.

Ecco: Aura by Swarovski vuol dare finalmente la possibilità ad una donna sempre più consapevole di se stessa di… vestirsi di luce, di indossare una fragranza luminosa che ricordi quell’esperienza visiva, di portare con eleganza sulla pelle il calore e al tempo stesso la freschezza dei riflessi di luce. Quale donna non lo troverebbe irresistibile!?!

Le prime note che ci vengono incontro sono quelle intense e rosate del litchi succoso che con il loro Fascio fruttato vibrano di sensualità; a queste seguono le vibrazioni voluttuose di una femminilità maestosa evocata dal Fascio floreale delle note di tuberosa bianca pura; ma il cuore della fragranza è un prisma energetico in cui si amalgamano le note dell’ambra, del benzoino e del muschio bianco.

Di certo Swarovski non smentisce la sua classe anche nel design della confezione e del flacone del profumo. Parlando di tanta preziosità la confezione che lo rqacchiude non può non essere un astuccio che si schiude proprio come un portagioielli mettendo in mostra il profumo-gioiello maestoso sul suo piedistallo, ed elegante con il suo sfaccettato cristallo Swarovski incastonato sulla sommità.

La mia domanda è: può questa fragranza olfattiva fiorita e cipriata (forse pure un po’ invadente!), possono questi fasci olfattivi caricarsi di tale energia da trasformarsi in vibrazioni intensamente luminose???

Scusate l’arroganza del mio parlare… ma non credo di essere arrogante se dico che non è cosa umana vestire l’umano di una cosa divina!!!

Ad ognuno il suo.

Io il mistero della luce (che nei cristalli Swarovski si racconta particolarmente) preferisco vederlo con gli occhi più che sentirlo con il naso (soprattutto, poi, se è una cosa costruita in laboratorio…)!



Esprimi la tua opinione

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>