Lotta contro il cancro, tra prevenzione e diagnosi precoce

Post Scritto in Patologie, Salute - da superchicca il lunedì, novembre 26th, 2012 - letto 1233 volte - Commenta per Primo

Il cancro è quotidianamente al centro dell’attenzione. Negli ultimi decenni questo male oscuro e misterioso si sta pian piano delineando in tutte le sue sfaccettature grazie all’impegno costante di ricercatori, medici e biologi cellulari. Infatti se vent’anni fa una diagnosi di cancro significava morte certa, oggi per fortuna non è più così.

Innanzitutto bisogna specificare che non esiste un solo ‘cancro’ , poichè in questo termine sono comprese tutte le patologie riguardanti un disturbo cellulare preciso, ovvero la proliferazione incontrollata di una popolazione cellulare o di un tessuto. A seconda di quale tipo di cellula sia coinvolta e della sede di provenienza, distinguiamo tipi sempre più diversi e sempre più specifici di tumore. Ad esempio, quello che prima era indicato genericamente tumore allo stomaco, oggi può essere più specificamente riconosciuto come adenocarcinoma gastrico, tumore carcinoide, tumore stromale; e altre suddivisioni in sottotipi valgono anche per il tumore della mammella, della prostata, e per tutti gli altri.  Inoltre c’è da precisare che non sempre ‘tumore’ equivale necessariamente a ‘cancro’. Infatti un tumore prima di diventare cancro necessita di diffondere ad altri organi, cioè di impiantarsi anche in altre regione diverse da quella di origine, per dare metastasi. Ed è proprio su questo punto che i Medici e tutta la Comunità scientifica si concentrano per trovare nuove strade per la guarigione e nuove vie d’uscita.

Ad oggi infatti la diagnosi precoce è possibile per moltissimi tipi di cancro. Per alcune categorie ‘a rischio’ si attuano vere e proprie campagne di screening di massa, che però purtroppo molto spesso vengono trascurate dai pazienti, molto spesso per pigrizia, ma anche a causa delle tecniche strumentali non sempre rapide e indolori. Alcuni esempi di screening sono: per il tumore al colon, la colonscopia dopo i 50 anni; per il tumore della mammella, la mammografia in menopausa; per il tumore alla cervice uterina, il PAP test… Inoltre spesso viene considerato superfluo sottoporsi ad una visita di controllo dal medico generico. Niente di più sbagliato! Un sintomo che consideriamo trascurabile, come un’anemia, un’astenia o un dimagrimento può essere un campanello dall’allarme per il medico che potrebbe prescrivere esami più approfonditi, come analisi del sangue, TAC o risonanze magnetiche che potrebbero far venire alla luce patologie in uno stadio così precoce da poter essere curate con successo. Infatti non bisogna trascurare che quanto più è precoce lo stadio a cui è diagnosticata la malattia, migliore sarà la prognosi.

Ma c’è qualcosa che si può fare per prevenire questo tipo di patologie? Nonostante i ricercatori siano estremamente cauti nello stabilire una relazione causa-effetto tra un agente esterno e il cancro, qualcosa c’è. Il cancro si definisce una patologia multifattoriale, ovvero dipendente sia da fattori genetici, che conferiscono, per così dire, una predisposizione genetica, sia da fattori ambientali. Infatti il cancro si sviluppa a causa di numerose mutazioni a carico di una cellula, mutazioni favorite anche da molti fattori che ci circondano.  Ecco numerosi esempi di fattori di rischio legati all’ambiente:

-cancro al polmone: fumo di sigaretta

-cancro alla cervice uterina: Papilloma virus. Si trasmette tramite rapporti non protetti

-cancro al fegato da cirrosi epatica: abuso di alcool

-melanoma: raggi Uv . Questo è il motivo per cui non ci si dovrebbe MAI esporre al sole o a lampade abbronzanti senza adeguata protezione

 

Inoltre non è da trascurare il fattore alimentazione. Un’alimentazione sana, ricca in frutta, verdura, cereali e olio di oliva contribuisce a mantenere attivo il sistema immunitario, che di conseguenza può attaccare le cellule tumorali sul nascere proteggendo l’organismo da tumori e leucemie. Inoltre sostanze antiossidanti contenute soprattutto nella frutta, contrastano la produzione di ROS, radicali liberi dell’ossigeno, che provocano il danno cellulare e quindi predispongono a patologie neoplastiche.

Gli strumenti che abbiamo per combattere giorno per giorno il cancro ci sono, e sono tantissimi. In ultimo, è fondamentale ricordare i ricercatori che dedicano il proprio lavoro alla comprensione sempre più profonda dei meccanismi di questa patologia e a nuove cure, sempre più all’avanguardia e sempre più personalizzate. Il sostegno della ricerca è fondamentale, affinchè un non più lontano domani il cancro sia una patologia curabile.



Esprimi la tua opinione

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>