Pensioni: milioni di anziani sotto i 500 euro mensili

Post Scritto in Economia - da superchicca il lunedì, dicembre 17th, 2012 - letto 1532 volte - Commenta per Primo

Che la crisi sia a tutti i livelli è un dato di fatto. Ma purtroppo spesso sono le fasce più deboli ad esserne maggiormente colpite.

Il fenomeno che diventa sempre più evidente e preoccupante è lo stato di milioni di anziani costretti a vivere con pensioni al di sotto dei 500 euro mensili. Il costo della vita è aumentato considerevolmente nel corso degli ultimi decenni e diventa molto più difficile, soprattutto per loro, arrivare alla fine del mese. Il problema principale è l’alloggio: molte persone pagano il fitto perchè non hanno una casa di proprietà, e chi ce l’ha è chiamato a pagare l’Imu, che con la seconda rata di dicembre metterà a rischio la tredicesima mensilità anche dei pensionati. Anche chi ha più appartamenti  di proprietà non è da meno, in quanto proprio per il fatto di possedere una seconda casa, con la cui rendita magari arrotonda la pensione, viene penalizzato, in quanto gli si sottrae una somma che può arrivare anche a 100 euro sulla pensione. Tutto ciò lascia inevitabilmente un po’ di amaro in bocca…

La maggior parte di questi pensionati ha lavorato sodo e ha fatto sacrifici tutta una vita! Però in tutto questo c’è una nota positiva. Molti anziani per arrivare dignitosamente alla fine del mese hanno avuto il coraggio di reinventarsi. Ecco qui rispuntare la figura della sarta, che per pochi euro cuce orli e fa le pieghe ai pantaloni; oppure il tuttofare, che con un po’ di manualità fa dei piccoli lavori in casa; addirittura professori in pensione tengono in allenamento la mente tenendo lezioni private a scolari non proprio brillanti. Insomma, nonostante il dramma che c’è, perchè è inutile negare che c’è ed è grave, chi può si organizza, riscoprendo l’antica, ma sempre nuova arte dell'”arrangiarsi”.



Esprimi la tua opinione

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>