Come aprire la partita IVA per avviare una impresa online

Post Scritto in Economia, Fisco e Leggi, Guadagnare Online - da giorgiaminozzi il sabato, aprile 27th, 2013 - letto 3370 volte - Commenta per Primo

Se stai pianificando di avviare un’attività sul web e monetizzare o se la già la svolgi devi sapere sin dall’inizio cosa fare per mettersi in regola con il fisco italiano. Nel nostro Paese gli step da compiere per un piccolo imprenditore che vuole iniziare un’attività online sono pochi e costano relativamente poco. Il problema semmai è venire a conoscenza di tutte le informazioni necessarie per poter operare legalmente e tenersi quindi sempre aggiornati sulle ultime notizie economiche. Naturalmente se si dispone già di un commercialista oppure se si hanno conoscenze nel settore queste informazioni saranno facili da reperire; per chi, invece, è alle prime armi il percorso è più complesso. Innanzitutto bisogna dire che è necessario aprire la partita IVA se si super un ricavo annuo di 5000 euro. Al di sotto di questa cifra, a meno che l’attività non sia continuativa (come nel caso della pubblicità), si può ricorrere alle cosiddette prestazioni occasionali.

iva1Ma quali sono i passi necessari per aprire la partiti IVA? Prima di tutto bisogna richiedere il PIN all’Agenzia delle Entrate. Basta andare sul sito dell’agenzia per ottenere il pin. Si tratta di un’operazione molto semplice e il PIN arriverà, dopo poco tempo, tramite email. In seguito bisogna presentare il modello di attribuzione di partita IVA all’Agenzia delle Entrate. Basta compilare il modello e consegnarlo per comunicare che si è iniziato a lavorare. Infine il terzo passaggio prevede l’iscrizione alla Gestione Separata dell’INPS. Per procedere basta richiedere un PIN direttamente all’INPS inserendo la residenza e il codice fiscale. Il PIN arriverà immediatamente per email. Grazie a questo PIN sarà possibile accedere a ogni servizio messo a disposizione.

Naturalmente per procedere con l’apertura della Partita IVA si può procedere in quattro modo:

  1. Per via telematica, come abbiamo appena descritto;
  2. andando all’ufficio dell’Agenzia delle Entrate e allo sportello dell’INPS;
  3. Per posta tramite le raccomandate;
  4. Grazie al supporto di un commercialista.


Esprimi la tua opinione

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>